televisione.ilcannocchiale.it TELEVISIONE | televisione.ilcannocchiale.it | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

TELEVISIONE..NO GRAZIE MEGLIO LA RETE ..leggere..commentare..scrivere
IL COLTELLO NELLA PIAGA
post pubblicato in Diario, il 12 luglio 2007

  












 

Tra le funzioni economiche che svolgiamo, senza dubbio quella  più comune  a tutti  è il consumo, aspetto della vita quotidiana più condizionato  di ogni altro.Al supermercato, compri un pacchetto di spaghetti e senza intenzione di farlo finanzi l'industria degli armamenti perché la multinazionale da cui compri possiede anche delle fabbriche di armi. Oppure acquisti un barattolo di pelati e contribuisci allo sfruttamento dei braccianti africani, perché la multinazionale da cui compri possiede anche delle piantagioni di ananas o caffè. In altre parole ogni volta che compriamo alla cieca possiamo trasformarci in complici di imprese che inquinano, che sfruttano, che evadono le tasse, che maltrattano gli animali o che compiono altri misfatti.

Questo non vuole certo essere un processo alla nostra società, anzi ringrazio Dio di vivere dove sono, ma vuole essere un momento di riflessione  x capire fino a che punto sarà possibile continuare con questa società che si mangia tutto e spreca a piene mani.
E' sotto gli occhi di tutti come ogni giorno siamo investiti da  valanghe di messaggi pubblicitari che lodano novità, tecnologie e prodotti all'avanguardia ma che propinano anche  prodotti alquanto discutibili e a volte  pure dannosi.

Esempi sono tutti  i giorni sulle pagine dei giornali e sui tg.

Il nostro consumo è oramai al livello dello spreco più assurdo.Vedo i miei figli che ne compiono continuamente ad ogni gesto. La pubblicità  serve oggi a farci definire un'immagine della realtà che non risponde al vero
Le imprese creano x il pubblico un'immagine avviluppata nell'amore x il prossimo, diventano imprese amorose attente a bisogni di tutti , sensibili ai diritti della gente, rispettose dell'ambiente: cercano sempre più consensox incrementare i loro profitti. In realtà non tutte lavorano allo stesso modo ed è sempre più difficile chiarire la loro posizione,alcune violano i diritti dei lavoratori, inquinano, alterano la natura, sostengono i regimi oppressivi, affamano i piccoli contadini, creano insicurezza nelle comunità locali.
Il dramma che le imprese commettono i loro abusi con il nostro favore attraverso i nostri consumi contribuiamo a sostentarle, farle prosperare. Molta responsabilità si nasconde dietro ai nostri sprechi giornaliei a cui abbiamo dato un senso di normalità. Il consumo è un'arma formidabile per costringere le imprese a comportamenti migliori, perché i consumatori hanno potere di vita o di morte su di loro ma hanno una alleata  imbattibile la "la televisione"  ed è difficile da sconfiggere. Provate se avete figli che guardano qualche ora la tv a convincerli che "quelle cosa" sarebbe meglio non comprarla....!


Le imprese sono consapevoli di questo e spendono miliardi per impedirci di pensare e di scegliere. Noi, possiamo sforzarci di appropriarci della nostra volontà decisionale e dobbiamo rivalutare il potere che abbiamo fra le mani. Un potere che preso singolarmente è certamente piccolo, ma che moltiplicato per milioni di persone può condizionare  l'intero sistema.

Per questo sarebbe il caso di cominciare a guardare ciò che si compra, so bene che il tempo e la voglia non sempre abbondano x certe cose, ma iniziare anche solo a pensare in modo diverso è già un piccolo passo avanti....
 

 

 

 

Per saperne di più

Francesco Gesualdi (Foggia 1949), già allievo di don Milani, è fondatore e coordinatore del Centro nuovo modello di sviluppo a Vecchiano (Pisa) che si propone di analizzare le cause profonde dell’emarginazione, di definire strategie a difesa dei diritti degli ultimi e di ricercare nuove formule economiche capaci di garantire a tutti la soddisfazione dei bisogni fondamentali. Collabora ad “Altreconomia”. Coordinatore di numerose campagne di pressione, è tra i fondatori assieme ad Alex Zanotelli di Rete Lilliput. Ha scritto Guida al risparmio responsabile (Emi 2002); Lettere a un consumatore del Nord (Emi 2000); Guida al consumo critico (Emi 2003); Sulla pelle dei bambini (Emi 2000); Consumatori del nord lavoratori del sud. Il successo di una campagna della società civile contro la Del Monte in Kenya (insieme a Mutunga Willy e Ouma Willy, Emi 2003).

Sfoglia giugno        agosto
calendario
rubriche
tag cloud
links
cerca